Quanto è fedele alla realtà Narcos: Mexico stagione 2?

Quanto è fedele alla realtà Narcos: Mexico stagione 2?



All'inizio di ogni episodio di Narcos: Messico, sullo schermo viene visualizzato il seguente messaggio: Questa drammatizzazione è basata su eventi reali. Tuttavia, alcune scene, personaggi, nomi, attività commerciali, incidenti, luoghi ed eventi sono stati romanzati per scopi drammatici.



Annuncio pubblicitario

Questa pratica è, ovviamente, abbastanza comune nel campo dei drammi storici: molti programmi TV e film si sono presi delle libertà con la verità quando raccontano una storia di vita reale.

È probabile che molti spettatori si chiedano quali parti della serie siano realtà e quali finzione, quindi abbiamo risposto ad alcune domande chiave sull'accuratezza storica dello spettacolo...



  • Narcos: recensione della stagione 2 del Messico

Modifica le tue preferenze per la newsletter

C'era un vero agente della DEA chiamato Walt Breslin?

A differenza di Kiki Camarena, il protagonista principale di Narcos: Mexico serie 1, non esisteva un vero agente della DEA che si chiamasse Walt Breslin. Piuttosto, Breslin è un personaggio composito ispirato da molti degli agenti che hanno lavorato all'operazione Leyenda, la missione per abbattere Félix e il cartello di Guadalajara.

Pertanto, la maggior parte delle scene che coinvolgono direttamente Breslin – per esempio la sua ultima conversazione con Félix dopo l'arresto di quest'ultimo – sono romanzate.



Cosa è successo veramente nelle elezioni messicane del 1988?

Sebbene il livello di corruzione mostrato nella rappresentazione di Narcos delle elezioni del 1988 sia sbalorditivo nella sua sfacciataggine, questo è in realtà abbastanza fedele al record storico delle elezioni.

L'ex presidente Miguel de la Madrid, in carica fino al 1988, ha ammesso in un'autobiografia anni dopo che la corruzione era stata diffusa durante le elezioni, sostenendo che non c'era stato un conteggio ufficiale dei voti quando il PRI si era dichiarato vincitore.

E anche prima dell'ammissione dell'ex presidente, era ampiamente riconosciuto che la vittoria era stata ottenuta con mezzi subdoli. Secondo a New York Times articolo del 2004, analisti politici e storici hanno descritto quell'elezione come uno degli esempi più eclatanti della frode che ha permesso al Partito Rivoluzionario Istituzionale di controllare questo paese per più di sette decenni.

Come mostrato nella serie, quando i primi conteggi mostravano che il PRI stava perdendo, piuttosto che informare il pubblico dei risultati, il partito ha mentito e ha detto che il loro sistema informatico era andato in crash - prima di anticipare l'opposizione dichiarandosi vincitori prima il conteggio era stato completato.

È anche vero che le schede sono state tutte bruciate per rimuovere tutte le prove di frode, anche se nella vita reale ciò non è avvenuto fino al 1991, tre anni dopo le elezioni.

Cosa è successo veramente con Pablo Acosta?

Alcuni dettagli della trama del boss della droga di Juarez Pablo Acosta nello show sono molto simili alla realtà: è vero che è stato ucciso durante una sparatoria guidata dalle forze federali messicane e dall'FBI dopo essersi rifugiato nel suo nascondiglio a Santa Elena. Tuttavia, ciò è effettivamente accaduto nel 1987, non contemporaneamente alle elezioni del 1988 come mostrato nella serie.

Inoltre, come per il resto delle scene che coinvolgono Walt Breslin, la sequenza di Acosta che viene condotto fuori dal suo nascondiglio da Breslin, che sta tentando di impedirne la morte e di usarlo come testimone, è un'invenzione per lo spettacolo.

Nel frattempo la ragazza americana di Acosta, come si vede nello show, Mimi, è una persona reale – e secondo according Mensile del Texas la vera Mimi (nome completo Mimi Webb Miller) è tornata in Messico nel 2014 per guidare ancora una volta i tour a cavallo per i visitatori. Nonostante il suo record omicida, Web Miller ha descritto Acosta come gentile e coscienzioso e ha affermato di essere orgoglioso delle piccole città del Messico settentrionale, mentre numerose fonti affermano che era una leggenda locale nel suo villaggio, il che è coerente con il modo in cui è ritratto nello spettacolo .

Per quanto riguarda la sua decisione di parlare con la stampa statunitense, secondo il libro Down By The River di Charles Bowden questo è accurato: ha parlato con un giornalista di El Paso di nome Terrence Poppa (che è stato poi finalista Pulitzer per il suo libro Drug Lord), mentre Bowden sostiene anche che Acosta occasionalmente forniva nomi alle forze dell'ordine statunitensi che portavano ad arresti e che aveva una relazione duratura con un investigatore doganale di nome David Regala.

Cosa è successo veramente con Cochiloco?

Nella serie, uno dei momenti cruciali che vede molti dei boss della piazza e degli ex alleati di Félix rivoltarsi contro di lui è l'assassinio del trafficante di droga e membro chiave del cartello di Sinaloa Cochiloco.

Mentre Cochiloco era una persona reale, il cui nome completo era Manuel Salcido Uzeta, lo spettacolo si è preso alcune libertà con la sua storia. È vero che è stato assassinato, ma in realtà la sua morte è avvenuta per mano di narcotrafficanti colombiani dopo che aveva rubato quattro tonnellate di cocaina.

Non solo Félix non era coinvolto nella sua morte, ma in realtà era già incarcerato a questo punto, con l'omicidio di Cochiloco avvenuto nel 1991, due anni dopo l'arresto di Félix.

Pertanto, sebbene ci siano stati molti incidenti che hanno messo alla prova la lealtà dei boss della piazza come Héctor Palma, questo non era uno di quelli.

Clavel ha davvero buttato giù da un ponte i figli di Palma?

Che ci crediate o no, la realtà della faida tra Rafael Clavel e Héctor Palma era pari Di più orribile di quanto è stato ritratto nello spettacolo. È vero che Clavel sedusse la moglie di Palma Guadalupe e poi uccise lei e i suoi figli, ma le circostanze esatte degli omicidi erano diverse nella vita reale, e si verificarono effettivamente nel 1989, dopo l'arresto di Félix Gallardo.

Secondo il libro Mexico: Narco-Violence and a Failed State? di George W. Grayson, Clavel costrinse Guadalupe a prelevare 7 milioni di dollari dal suo conto in banca prima di decapitarla e spedire la sua testa disincarnata a Palma. E sì, dopo questo ha davvero gettato i suoi due figli da un ponte (anche se non fino a due settimane dopo) – in particolare il Puente de la Concordia proprio al confine tra Colombia e Venezuela.

Palma in seguito si vendicò ordinando l'uccisione dei tre figli di Clavel, e fu anche dietro l'omicidio di Clavel – anche se contrariamente a quanto mostrato nella serie non ha commesso l'omicidio lui stesso, né è avvenuto in un centro commerciale con un Mazza da baseball.

I capi della piazza hanno davvero abbandonato Félix nella stessa riunione?

No, anche se questo ha creato una scena emozionante e gratificante nel finale della serie, questa è stata una drammatizzazione per lo spettacolo - che semplifica quello che in realtà era un processo molto più fratturato e allungato. Nella vita reale, Hector Palma fu davvero il primo a separarsi dal cartello di Félix, ma ulteriori scheggiature non iniziarono a verificarsi correttamente fino a dopo l'arresto di Félix.

Mentre era in prigione, Félix tentò di orchestrare una rappresaglia contro Palma, che alla fine portò a un'onnipotente battaglia tra coloro che erano fedeli a Félix e coloro che si schieravano dalla parte di Palma.

Ciò alla fine portò a due organizzazioni separate: la Sinaloa OCG, guidata principalmente da El Chapo Guzman, e l'Arellano Félix Organisation, che operava principalmente da Tijuana ed era guidata dalla famiglia Arellano Félix. La natura frammentata del traffico di droga messicano persiste fino ad oggi, il che suggerisce che non si è mai ripreso del tutto dall'omicidio di Kiki Camarena e dall'arresto di Félix Gallardo.

Annuncio pubblicitario

Narcos: Mexico stagione 2 è ora in streaming su Netflix