Helen Hunt si spoglia in The Sessions come surrogato del sesso sex

Helen Hunt si spoglia in The Sessions come surrogato del sesso sex



Helen Hunt è seduta in una stanza d'albergo, con le spalle al sole che inonda la finestra, quindi è difficile vederla bene in faccia. Come ti sentiresti se lavorassi a maglia mentre parliamo? chiede, prendendo aghi e lana dal grembo. Potrei sembrare una pazza, ma è un regalo per mia figlia. (Makena'lei di otto anni, che significa molti fiori del paradiso in hawaiano.)



Annuncio pubblicitario

Sembra incongruo vederla lavorare a maglia mentre discutiamo di come si sente, all'età di 49 anni, a trascorrere la maggior parte del suo ultimo film completamente nuda, come una sessuologo che porta altruisticamente un malato di poliomielite paralizzato alla realizzazione sessuale. Un ultimo tabù: sesso e disabilità? Immagino di sì, dice. Stupidamente.

The Sessions, che ha fatto ottenere a Hunt sia candidature ai Bafta che agli Oscar come attrice non protagonista, è basato su un articolo del 1990 On Seeing a Sex Surrogate del compianto poeta e giornalista Mark O'Brien (interpretato nel film da John Hawkes). O'Brien è rimasto paralizzato dal collo in giù dopo aver contratto la poliomielite quando aveva sei anni. Ha assunto una surrogata sessuale certificata, Cheryl Cohen Greene, una mamma sposata e ora nonna che sta ancora lavorando, per liberarlo dalla sua verginità all'età di 38 anni. Le scene di sesso sono alimentate da una sorprendente quantità di umorismo, in particolare quando O' Brien discute la sua situazione con un prete cattolico romano (William H Macy).



Hunt era nervoso, ma non così tanto da non farmi vedere. È un film speciale e lo shock [del fatto che sia nuda] ne fa parte. Non ho mai pensato: 'Mio Dio, non posso farlo'. Ero così commosso dalla sceneggiatura. Il mio partner [il produttore/regista Matthew Carnahan, padre di Makena'lei] l'ha letto e ha pianto perché pensava che fosse così bello. Un ostacolo era la mia autocoscienza, ma ho pranzato con Cheryl, ed era molto estroversa, quindi è così che la interpreto.

Non avevo mai sentito parlare di surrogati, quindi non ho avuto un pre-giudizio, ma ho capito che è un lavoro serio, che era un piede sull'acceleratore per farmi passare i nervi. Il sesso ci rende nervosi. Ci scherziamo su, abbi vergogna. Danno a questo film un rating R ma forniscono film violenti per i tredicenni. Avevo sentito dire che gli americani sono strani riguardo al sesso, e lo vedi davvero quando offri un lavoro come questo. Dovresti davvero lavorare per trasformarlo in qualcosa di perverso. È così puro.

Dice che vorrebbe che i sedicenni lo guardassero come uno strumento di educazione sessuale, tranne il suo. Ho un figliastro e sarebbe strano per lui vedermi nudo. Sarebbe scortese dubitare delle sue buone intenzioni e il film è troppo concreto per essere mai accusato di voyeurismo. Ci sono altri film che descrivono il sesso con disabilità (Rust and Bone) o senza impegno (Friends with Benefits) ma The Sessions è il più vivido e, suggerisco, il più sessista. Cheryl porta uno specchio a figura intera in una sessione per consentire a O'Brien di vedere il proprio corpo eccitato, ma sullo schermo non viene mostrato nulla. Hunt ammette, questo è un buon punto. Ma sono nudo cinque minuti dopo la scena iniziale e lo specchio arriva alla fine. Non avrebbe funzionato.



Hunt ha avuto una carriera diversificata, a partire dall'età di dieci anni, incoraggiata da suo padre, Gordon, regista e insegnante di recitazione. Sento di essere stato progettato per andare a teatro, ma poi è successa una svolta a sinistra: ero a lezione di recitazione con mia zia ed è arrivato un agente. È stata citata dicendo che i film sono fantastici quando hai vent'anni - vai in posti, hai delle relazioni - e che a volte si sentiva troppo cresciuta per questo. Ha le setole. Niente di tutto questo è vero. A vent'anni ero un attore professionista che prendeva le parti che mi venivano date. Ora è diverso. Dire 'sì' significa non andare a prendere mia figlia a scuola, e questo è importante per me.

In effetti, è stata fuori dai riflettori da What Women Want nel 2000. Ho rallentato in termini di mainstream, ma ho fatto spettacoli, fatto un film e ho avuto un bambino che è fantastico, come vincere alla lotteria. Ho molti interessi.

Ha diretto, co-sceneggiato e recitato in Then She Found Me nel 2007, con Colin Firth, Bette Midler e l'autore Salman Rushdie nei panni del suo ginecologo (miscast). Ci sono voluti dieci anni per completarlo. Quando il finanziamento è andato in pezzi per la quarta volta, mi sono chiesto chi ottiene un film e mi è stato detto: 'Quello che non si arrende'. Non c'è altro segreto. Devi essere duro, e io no. Alla fine è stato acquistato da una società meravigliosa e sono falliti poco prima che aprisse in tutto il mondo. Schiacciare. Mi piace scrivere, tranne i giorni in cui è orribile: sai che manca qualcosa e non sei abbastanza intelligente da capire di cosa si tratta. Scrivi finché non ti danno i soldi.

Ho recitato in film in cui ho usato solo il cinque per cento di me stesso. Tendo a rifiutarli, a meno che non vengo pagato, il che è un raro piacere. Ma è vincitrice dell'Oscar, per As Good as It Gets nel 1997 con Jack Nicholson. Ho fatto pochissimi film ad alto budget. The Sessions [in uscita venerdì 18 gennaio] era minuscolo e siamo stati pagati quasi nulla. Il tutto costa meno dello stipendio di molti attori.

Deve essere sconvolgente. Non passo il tempo ad arrabbiarmi per ciò che non posso controllare. Non ci sono dentro per i soldi. Se lo fossi, diventerei pazzo. Amo i film. Pago per vederli, con i popcorn. OK, il mio aspetto potrebbe andare, ma non mi concentro su di esso. Cerco di mantenere la disperazione per problemi reali. Sono fortunato a vivere in un'epoca in cui le persone riescono a forgiare i propri percorsi. E continuerà a farlo, qualunque siano gli ostacoli.


Annuncio pubblicitario

The Sessions esce nelle sale britanniche a livello nazionale venerdì 18 gennaio