La regina Vittoria si è davvero persa in Scozia e si è rifugiata nel cottage di una povera coppia?

La regina Vittoria si è davvero persa in Scozia e si è rifugiata nel cottage di una povera coppia?

Le migliori VPN per Netflix
CyberGhost VPNLa migliore VPN Netflix
Politica di non registrazione
Protezione Wi-Fi
Soddisfatti o rimborsati

Abbiamo una garanzia di rimborso di 45 giorni, per darti abbastanza tempo per testare le app e vedere se sono adatte a te.
Visualizza affare
Surfshark VPNVPN piu economica
Dispositivi illimitati
Migliore sicurezza
La migliore velocita


Da soli $ 2,49 USD al mese e un'opzione fantastica e premium incredibilmente semplice da usare. Lo sblocco di Netflix negli Stati Uniti e la sua specialita in questo momento.
Visualizza affare


Nell'episodio sette della seconda serie di Victoria, facciamo un viaggio in Scozia con la regina Vittoria. È stufa delle persone che cercano di assassinarla a Londra, quindi si dirige nelle Highlands, dove gli eventi diventano ancora più drammatici.



Annuncio pubblicitario

Ma qual è la vera storia della visita di Victoria in Scozia?

La regina Vittoria ha visitato la Scozia?

Si Molte volte. La regina Vittoria fece una visita reale in Scozia per la prima volta nel 1842 e fece un giro del paese con il principe Alberto, trascorrendo diversi giorni nella capitale Edimburgo.



  • Incontra il cast di Victoria serie 2
  • La serie 3 di Victoria esplorerà le tensioni sessuali nel matrimonio reale, afferma Daisy Goodwin
  • Victoria serie 3 confermata con il ritorno di Jenna Coleman e Tom Hughes

Poi nel settembre 1844 tornò in Scozia con il principe Alberto e la sua giovane figlia Vicky al suo fianco. Questa volta ha visitato il castello di Blair nel Perthshire, dove è stato effettivamente girato l'episodio sette della serie ITV. La famiglia reale ha trascorso tre settimane felici camminando, cavalcando, pescando, cacciando, sparando e persino piantando alberi.

Victoria e Albert amavano così tanto la Scozia da ispirare una tendenza per il tartan e il tweed in tutto il regno. Tornarono più e più volte e, dopo aver preso possesso di Balmoral nel 1848, costruirono un proprio castello.

Victoria e Albert si sono persi nelle Highlands scozzesi e sono rimasti nel cottage di una povera coppia?

No. O se l'hanno fatto, di certo non l'ha mai menzionato nel suo diario.



La regina Vittoria era un'appassionata diarista e teneva registri dettagliati dei suoi soggiorni in Scozia, scrivendo in modo esauriente su ciò che accadeva ogni giorno: se i viaggi di caccia di Alberto avevano avuto successo, con chi cenavano, i suoi pensieri sul paesaggio, le cavalcate sui pony delle Highland, i piani per le scene per disegnare, i dettagli delle persone che ha incontrato, se le sono piaciute...

Ma di certo non ha mai parlato di perdersi nella foresta da sola con il principe Alberto a cavallo, come raffigurato in Victoria di ITV. Non ha mai menzionato di essere stata costretta a cercare rifugio con una coppia gentile e povera che ha cucinato deliziose trote su un fuoco aperto e le ha lasciate passare la notte, e non c'è traccia di lei che nasconde la sua identità di regina e impara a rammendare un calzino come una persona normale.

Tuttavia, puoi vedere da dove viene questa trama fantasiosa. Quello che vediamo nel suo diario è che, per lei, le selvagge Highlands scozzesi erano una fuga dalla realtà.

Dopo la costante e provante pubblicità a cui siamo abituati, è così piacevole e rinfrescante poter, in un ambiente così bello, godere di una privacy così completa e di una vita così semplice, ha scritto nel suo diario.

E mentre e Albert evitavano di perdersi, loro... fatto fai un idilliaco giro in pony accompagnato da un solo servitore, il più vicino alla privacy che il monarca potrebbe davvero ottenere.

Quando mi sono svegliata, il sole splendeva brillantemente e illuminava le montagne in modo così bello, ha scritto. Alle 9 partimmo, entrambi, sui pony, assistiti solo dall'eccellente servitore di Lord Glenlyon, Sandy McAra, nel suo abito da Highland, per salire su una delle colline.

Abbiamo attraversato un guado, Sandy guidava il mio pony, eAlbertseguendo da vicino, e poi risaliva la collina di Tulloch dritto su un campo di cavoli molto ripido, poi girando a zig-zag fino in cima, i pony che si arrampicavano su pietre ed eriche, e non facevano mai un passo falso. La vista tutt'intorno era splendida e così splendidamente illuminata. Dall'alto sembrava un panorama.

Potevamo vedere le cascate di Bruar, il passo di Killiecrankie, Ben y Gloe e l'intera catena di colline dietro, in direzione della foce di Tay. La casa stessa e le case del villaggio sembravano giocattoli, dall'altezza alla quale ci trovavamo. È stato molto meraviglioso. Scendemmo una o due volte e camminammo. Non c'era una casa o una creatura vicino a noi, solo graziose pecore delle Highlands dalla faccia nera.

Ha aggiunto: È stata la corsa e la passeggiata più deliziosa e più romantica che abbia mai avuto.

Un'altra volta hanno funzionato bene su un giro in pony, con la regina che improvvisamente si è preoccupata per il tramonto - Si è allarmata nel vedere il sole tramontare, per paura che fossimo ottenebrati, e abbiamo chiamato ansiosamente Sandy per dare un segnale aAlbertritornare. Alla fine ci mettemmo in movimento, costeggiando la collina e i pony se ne andarono nel modo più sicuro e protetto possibile.

Ma arrivarono a casa appena in tempo: una giornata davvero lunga, ma che non dimenticherò facilmente.

E per quanto riguarda la visita a una coppia di ignari ma gentili Highlander nel loro cottage?

Le uniche menzioni di un cottage chiariscono che questa non è la casa di un povero: siamo usciti alVilletta, che è carino e ben posizionato. Ci sono dei buoni Landseer nella stanza in cui siamo entrati. Con i dipinti di Sir Edwin Henry Landseer alle pareti, questa non è esattamente una capanna di poveri...

Annuncio pubblicitario

Mentre si preparava a partire alla fine di settembre, Victoria ha riflettuto sul suo tempo in Scozia: Sono così triste al pensiero di lasciare questo luogo incantevole, la quiete, la libertà e l'aria pura di cui abbiamo goduto. La vita d'azione che abbiamo condotto, a suo modo peculiare, è stata così deliziosa.